LA DISINFEZIONE

Le richieste di disinfezione relative alla prevenzione delle infezioni da Covid-19 hanno fatto si che molte aziende si siano dedicate al tema riconvertendosi e, in molti casi, improvvisandosi in alcuni casi come "specialisti". In realtà la disinfezione è un'operazione molto specializzata e delicata che va eseguita da personale preparato dotato di macchinari speciali e prodotti approvati dal ministero della sanità come "presidi medico chirurgici".

Vengono proposti anche sistemi che si basano sull'OZONO ma, come specificato con nota 850/A P.I.2526 datata 3 aprile 2020 della Direzione Centrale di Sanità, si richiama l'attenzione su quanto in essa riportato circa l'assenza di evidenze sull'efficacia dell'Ozono quale presidio da utilizzare per la prevenzione della trasmissione dell'infezione da SARS Cov-2 (meglio noto come Covid-19). Di conseguenza questi sistemi non sono ritenuti efficaci nella sanificazione di ambienti ed autoveicoli. Viene inoltre specificato che i disinfettanti con capacità di neutralizzare il virus siano l'alcool etilico al 70%, il perossido di idrogeno allo 0,5% e l'ipoclorito di sodio allo 0.1%,

I sistemi utilizzati, pur utilizzando i disinfettanti adatti, si basano generalmente su due tipologie di attrezzature: i nebulizzatori e gli atomizzatori.

I NEBULIZZATORI, da anni in commercio per i trattamenti antiparassitari, specie in agricoltura e floricoltura, sono strumenti che si possono acquistare a prezzi decisamente bassi (da 60 a 200 euro per i più comuni) spruzzano un'abbondante soluzione di acqua e disinfettante e presentano diverse criticità: tendono a "bagnare" abbondantemente le superfici, non possono essere utilizzati su apparecchiature elettriche ed elettroniche, l' operazione raggiunge solo le superfici verso le quali si indirizza il getto. Possono danneggiare tutti quegli oggetti che non siano idrorepellenti e, per questo, in molte situazioni non possono essere assolutamente utilizzati. Occorre infine attendere, pur areando, che tutto si asciughi completamente prima di poter riutilizzare i locali.

Gli ATOMIZZATORI, sono strumenti di nuova generazione. Sono stati progettati proprio per questo genere di interventi. I modelli più evoluti hanno una componente elettrica che, oltre ad attivare una pompa, fanno si che in uscita la soluzione atomizzata (da 40/80/110 micron) venga carica elettricamente. Le microscopiche goccioline raggiungono tutto l' ambiente e si attaccano ad ogni superficie anche se non investita direttamente dal getto, dando una copertura totale e quindi una alta protezione. Qui i costi di acquisto dello strumento arrivano a superare i 2400 euro per singolo apparecchio. Previa 10/15 minuti di aerazione dei locali trattati i locali si presenteranno perfettamente asciutti ed immediatamente utilizzabili senza alcun rischio. Inoltre il perossido di idrogeno è inodore.

La nostra raccomandazione, quando ricevete un preventivo, è di richiedere un dettaglio delle modalità di intervento corredato degli strumenti e dei prodotti utilizzati, anchè perchè il costo praticato, in genere, non differisce rispetto al tipo di apparecchiatura utilizzata.

Noi abbiamo fatto una scelta che riteniamo rispettosa dei nostri clienti. Utilizziamo Atomizzatori e Perossido di idrogeno a 50 volumi. Il nostro personale, che opera dotato di tutti i DPI previsti, è preparato e sarà in grado di darvi consigli non solo al momento della disinfezione, ma anche sui comportamenti adeguati da tenere fra una disinfezione e la successiva.

Rapporto ISS COVID-19 • n. 20/2020